Alternative al caffè: cosa bere?

Alternative al caffè: quali sono?

Per gli italiani il caffè non è solo un modo per iniziare la giornata sorseggiando una bevanda che aiuti a tirarsi su ma un vero e proprio rituale, da ripetere anche più volte durante il giorno.

Chi invece non lo ama, non lo digerisce o vuole ridurre il consumo di bevande contenenti caffeina, è sempre alla ricerca di alternative al caffè che siano altrettanto gustose e con meno controindicazioni del caffè.

L’orzo è una delle alternative al caffè più amate, perché lo ricorda nell’aspetto e anche un po’ nel gusto, pur avendo caratteristiche aromatiche tutte sue. Vediamo in quante modalità è possibile berlo e quali sono le altre alternative al caffè da bere al mattino o per fare una pausa durante la giornata.

 

Cosa bere in alternativa al caffè?

Un sostituto del caffè non ha mai lo stesso gusto e le stesse caratteristiche dell’espresso, proprio perché è un’altra cosa.

Chiamiamo impropriamente “caffè” anche le altre bevande che non provengono dalla pianta di caffè, ma in realtà non hanno nulla a che vedere con il caffè.

La bevanda di cicoria è una di queste, prodotta dalla radice della pianta, era il sostituto del caffè dei nostri nonni, che lo alternavano all’orzo, anch’esso più economico rispetto al caffè.

Il ginseng è tra le alternative al caffè più comuni ancora oggi, tanto che è possibile berlo sia al bar che a casa. In commercio esistono bevande al ginseng con e senza caffeina, per venire incontro a tutte le esigenze. Le capsule orzo e ginseng Orzo Bimbo sono già zuccherate e dosate per una bevanda dal gusto pieno e rotondo, ottima per sostituire il caffè soprattutto al mattino.

Molto meno comuni sono le bevande a base di tè matcha, yerba mate, golden milk o il caffè al tarassaco. Spesso chi non può bere il caffè non può assumere nemmeno tè e derivati, poiché contengono la teina, che ha le stesse controindicazioni della caffeina.

 

Alternative al caffè: le bevande all’orzo

Tra le alternative al caffè, l’orzo è una bevanda molto amata. L’assenza di caffeina e di controindicazioni ne fanno il surrogato del caffè per eccellenza.

L’orzo può essere consumato in qualsiasi momento della giornata e può essere bevuto indifferentemente da bambini, anziani e donne in gravidanza. È anche molto facile da preparare, perché esiste in diverse versioni, dall’orzo in polvere da preparare con orziera o moka all’orzo solubile, pronto in un paio di minuti solo con dell’acqua calda.

Chi preferisce la macchina per il caffè espresso può acquistare le comode capsule: pratiche e già dosate, conservano intatte le proprietà e gli aromi dell’orzo, per la colazione o per una pausa durante il giorno.

Le capsule sono disponibili anche nella versione con caffè, per non rinunciare al gusto dell’espresso ma con meno caffeina. Ogni capsula contiene il 50% di caffè e il 50% d’orzo, per una bevanda cremosa e aromatica al punto giusto.

Magazine

Mai più senza... Orzo un cereale dai mille benefici.
Capsule alternative Dolce Gusto: come sceglierle?

Dolce Gusto capsule alternative: come sceglierle e tipologie Il sistema di capsule Dolce Gusto è un’invenzione Nescafé per conservare al meglio l’aroma del caffè e…

“Caffè d’orzo” e reflusso: cosa c’è da sapere?

Chi soffre di reflusso può bere l’orzo? Chi soffre di gastrite o reflusso sa che ci sono alcuni cibi da evitare, per non irritare lo…

“Caffè d’orzo” e diabete: cosa c’è da sapere?

Bevande d’orzo e diabete: cosa c’è da sapere Il caffè è per molti una piacevole abitudine a cui è difficile rinunciare. Quello che rende il…

Iscriviti alla newsletter